“Ristocasa” – recensione

20130409-160302.jpg

Ok, la zona è Pratacci, più vicino al Klang che al Karemaski – per gli aretini che se ne intendono – e in effetti, quando mi è arrivata la soffiata di questa nuovissima apertura ero piuttosto dubbiosa, trattandosi di zona industriale. Poi ho deciso e sono andata a vedere ieri sera. Sono rimasta stupita e, senza esagerare però posso dire che forse anche dal cemento possono nascere dei bei posti (nonostante quel che dicano i poeti).

Entrando troviamo sulla destra un lungo bancone stile bar di Copacabana e accanto una vetrina frigo stile alimentari di paese. Non faccio in tempo a rimanere perplessa dallo strano accozzamento che subito la mia attenzione si focalizza su un’altra cosa, la varietà di menù e offerte: c’è di tutto! Pizze, panini, primi, secondi, contorni di ogni genere, dolci (si mormora di un ottimo tiramisù), e chi più ne ha più ne metta. E sono tutte visionabili all’ingresso:prima si ordina alla cassa, si paga, poi ci si accomoda. Metodo un po’ strano, ma ok. Questo mese di aprile è il mese della tagliata, a prezzi stracciatissimi (tra i 5 e i 10 max mi pare), di ogni tipo, porzioni non mediocri (e anche questa ottima, mormorano i miei informatori, ma vi consiglio di andare a verificare di persona, io lo farò presto!) . Noi optiamo per un classicissimo: antipasto + pizza + coca/birra media + patatine fritte. In due abbiamo speso 21,50€ = 10,75 € a testa . Lascio a voi le conclusioni aggiungendo solo che le porzioni non sono affatto parche, e che io non sono riuscita a finire la mia pizza (vergogna!!) .

20130409-162407.jpg

Dentro è un posto enorme, verosimilmente un ex capannone industriale, con arredamento molto particolare: sedie, tavoli, credenze, mensole, tutte differenti di antiquariato e modernariato, davvero molto ben assembrate, c’è persino un pianoforte e un palchetto dove dicono si faccia piano-bar. Due megaschermi proiettano il derby della capitale. Durante la settimana trasmettono spesso le partite, anche con ulteriori sconti e offerte specifiche. Purtroppo ancora il soffitto è quello con cemento a vista e le mura esterne in realtà sono porte-finestre. Mi permetto di suggerire per l’estate l’aggiunta di tende, altrimenti temo diventi un Ristoforno…

20130409-163254.jpg

Arriviamo ai piatti: va detto che gli affettati non erano eccezionali, sicuramente migliore il prosciutto crudo, però abbondanti, vedere (la foto) per credere. Ci serve un ragazzo simpatico e alla mano, tutto il personale è giovane, e forse sarà l’entusiasmo iniziale d’aver appena aperto, ma sembrano davvero in gamba. La pizza è buona (quella che vedete in foto è una cosiddetta “maialona” io invece ho preso una “boscaiola” con speck scamorza e funghi) e grande, bella croccante alla aretina, ma senza esagerare, non un’ostia per intenderci. Patatine fritte saporite e non troppo oleose.

Che dire? È un’idea nuova, che in città non esisteva ancora e che offre tantissime possibilità, combinazioni di cibi da provare, a prezzi a dir poco sensazionali, che in questo momento ci fanno un gran favore. Io ci tornerò, consiglio anche a voi di far un salto vedere!

Ristocasa, via puccini (zona pratacci) Arezzo
(Ci si arriva agevolmente da via Fiorentina)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...